Relazione tecnica illustrativa

Con deliberazione della Giunta Comunale n░ 862 del 12/12/96, Ŕ stato approvato il progetto obiettivo per il recupero dell'Arena Santa Croce ed Ŕ stato affidato l'incarico per la redazione del progetto al gruppo 7░ comparto urbanistica.

Situazione attuale dei luoghi

L'area sulla quale insiste la struttura esistente ha un'estensione di circa mq. 1.000 e risulta contornata da fabbricati di proprietÓ privata prospettanti sull'arena. I luoghi si presentano in uno stato di totale abbandono con corpi di fabbricati fatiscenti.

Descrizione del progetto

Si Ŕ resa necessaria una riprogettazione dello spazio, condizionata dalle preesistenze limitrofe. L'ingresso principale Ŕ stato mantenuto da via Sassari, attraverso una scalinata riprogettata, prevedendo un'ampia zona di sosta antistante la biglietteria, al fine di consentire un agevole ingresso degli spettatori. L'ingresso di via S. Marco di Gorizia garantisce l'accesso ai portatori di handicap e agli artisti e l'uscita di sicurezza. L'arena ha una capienza di circa 350 posti, distribuiti in sei settori, separati da passaggi pedonali longitudinali e trasversali di mt. 1,50 di larghezza. Lo spazio antistante il palcoscenico Ŕ di mt. 2,20. Al fine di consentire la pi¨ ampia partecipazione alla vita ricreativa e culturale alle persone con ridotte o impedite capacitÓ motorie, Ŕ stato riservato nella sala uno stallo libero per quattro posti, raggiungibile mediante un percorso privo di barriere architettoniche. Sono stati attrezzati e dimensionati allo scopo anche i servizi igienici. Il palcoscenico, che Ŕ stato ubicato nella zona frontale all'ingresso principale di via Sassari, a ridosso di alcuni edifici privati, adiacenti all'arena, avrÓ una copertura costituita da tralicci in acciaio e pannelli coibentati autoportanti. Retrostante la scena, vi Ŕ il corridoio che da accesso agli spogliatoi e ai sevizi riservati agli artisti. Un'ampia zona destinata a deposito per il materiale scenico definisce la sala spettatori, che risulta schermata dalla restante area attrezzata da muri in pietra di mt. 1,80 d'altezza.

Gruppo di progettazione del comparto urbanistica: ing. E. Sferlazza, arch. G. Lundari, arch. S. D'Anna, geom. A. Sabatelli, geom. R. Siracusano