Da piazza V. Emanuele II al Teatro Greco-Romano (Km 1,900)
Itinerario archeologico-paesistico

Dalla piazza V. Emanuele s’intraprende la via Teatro Greco. A destra s’imbocca la scalinata alberata di via Timoleone e quindi si percorre la via Jallia Bassia, la via del Ginnasio e la via Bagnoli Croce; su quest’ultima, sulla destra, vi Ú la VILLA COMUNALE che fu il Giardino privato di Miss Florence T. Trevelyan, realizzato alla fine del secolo XIX sul modello del giardino inglese. Nel parco, oltre ad essenze arboree e biologicamente rilevanti, si possono ammirare le costruzioni fantastiche, dette victorian follies.
Lasciando la via Bagnoli Croci, s’intraprende la via L. Pirandello ove si possono ammirare resti di tombe bizantine.
Dal belvedere e per tutto il tratto della via Pirandello sino all'imbocco della via Dietro La Noce si gode un panorama straordinario. S’intraprende, quindi, via Dietro La Noce, scalinata che collega la via Pirandello con la via Teatro Greco; percorrendola si presenta una veduta particolare del Santuario Madonna della Rocca e del CASTELLO SARACENO.
Dalla via Teatro Greco si accede al TEATRO ANTICO o Greco-Romano, il monumento che ha contribuito a creare il mito di Taormina. E' per vastitÓ il secondo dei teatri classici in Sicilia. Costruito in epoca greca, fu ampliato e quasi interamente rifatto dai romani nel II sec. d.C. Dalla cavea, ricavata nella concavitÓ del Monte Tauro, Ú possibile ammirare uno dei panorama pi¨ belli del mondo.