Mazzarò: Baia delle sireneProvenendo da Messina, dopo Capo S. Alessio e Letojanni, cittadina con spiagge splendide, frequentate da moltissimi turisti, si arriva nella zona rivierasca tra le più belle e famose del mondo. Ecco Taormina Mare con Spisone, Mazzarò, capo Sant’Andrea, capo Taormina. Si susseguono ampie e dolci insenature e curve che morbidamente modellano la riviera. Roccia, ghiaia e sabbia sono incorniciate dalla vegetazione tipica mediterranea. Nel mare, cristallo liquido palpitante d’azzurro e di verde cupo, l’Isolabella, quasi dinanzi a Mazzarò, grumo di roccia fittamente ammantata di vegetazione, gemma geologica di scogliere scolpite d’incomparabile bellezza, aumenta il fascino della costa taorminese. A Capo Sant’Andrea si possono raggiungere in barca bellissime grotte marine.
Nella fascia costiera da Letojanni a Giardini Naxos è possibile praticare tutti gli sport nautici.
Gli appassionati di attività subacquee possono visitare le grotte e le fessurazioni della costa taorminese, ricche di gorgonie, spirografi, e di organismi viventi nel palpito della luce e delle ombre del mondo sommerso. Si segnala, in particolare, lo scoglio di zi gennaro, davanti a capo Sant’Andrea, che è un vero spettacolo: qui il fondale non supera i 10 metri, ma verso il largo cade improvvisamente a 45 metri di profondità.